• Labioplastica Torino
    Dott. Alessandro Rivolin
    Specialista in Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica
  • Labioplastica Torino
    Dott. Alessandro Rivolin
    Sedi: Torino e Aosta
  • Labioplastica Torino
    Dott. Alessandro Rivolin
    Specialista in Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica

LABIOPLASTICA

Molto variabili sono le dimensioni delle labbra secondo l’area geografica di provenienza: più carnose e pronunciate sono le labbra degli abitanti delle zone africane, più sottili e lineari sono quelle degli europei.

Nel nostro paese è rara la richiesta di una riduzione del volume delle labbra, mentre è invece più frequente la richiesta di un aumento volumetrico, che viene eseguito su labbra sottili e poco pronunciate.

Varie sono le tecniche adottate dai chirurghi plastici per ingrandire le labbra; queste comprendono sia di trattamenti medici che chirurgici.

I trattamenti medici consistono nelle infiltrazioni di acido ialuronico, che sono eseguite generalmente su labbra che richiedono una correzione dimensionale minima o che hanno un contorno scarsamente definito, e soprattutto quando la paziente non vuole apportare alle proprie labbra un cambiamento definitivo.

I trattamenti chirurgici sono la plastica di scorrimento a V-Y o il lipofilling, cioè aumento volumetrico con il grasso proprio, eseguite quando necessita una correzione maggiore e la paziente desidera un risultato definitivo e stabile nel tempo.

locale
0 - 0 minuti
No
0
0 giorni
0 giorni

Le labbra e gli occhi caratterizzano la mimica e l’espressione del viso. Molto variabili sono le dimensioni delle labbra secondo l’area geografica di provenienza: più carnose e pronunciate sono le labbra degli abitanti delle zone africane, più sottili e lineari sono quelle degli europei.
Accade spesso però che una donna non sia soddisfatta delle proprie labbra e si rivolga al chirurgo plastico per risolvere il suo problema.

E’ rara la richiesta di una labioplastica riduttiva, che avviene in caso di labbra troppo carnose, così di natura o a seguito di copiose iniezioni di sostanze non riassorbibili.
Mentre è invece più frequente la richiesta di una labioplastica integrativa (aumento volumetrico), che viene eseguita su labbra sottili e poco pronunciate. Varie sono le tecniche, chirurgiche e non, adottate dai chirurghi plastici per ingrandire un labbro sfuggente.
Personalmente non utilizziamo sempre la stessa metodica, ma valutiamo individualmente ciascun caso, attenendoci anche e soprattutto alle richieste della paziente.

Eseguiamo infiltrazioni con acido ialuronico, quando ci troviamo davanti a labbra che richiedono una correzione dimensionale minima o che hanno un contorno scarsamente definito, e soprattutto quando la paziente non vuole apportare alle proprie labbra un cambiamento definitivo; mentre effettuiamo plastiche di scorrimento a V-Y o lipofilling, cioè riempimento con grasso proprio, prelevato generalmente dalla pancia o dalle cosce, quando si richiede una correzione maggiore e la paziente desidera un risultato definitivo e stabile nel tempo.

LABIOPLASTICA INTEGRATIVA
Le infiltrazioni con acido ialuronico si eseguono in studio e non richiedono alcun tipo di anestesia locale, se non un trattamento topico preliminare con una pomata anestetica (Emla o Plyaglis), per evitare che il paziente percepisca il dolore causato dall’ago.
Inoltre all’acido ialuronico presente nella fiala vi è addizionata della lidocaina (anestetico locale), che, durante le infiltrazioni, anestetizza le labbra, dando un sollievo immediato ed anche nel post-trattamento.
La labioplastica con plastica di scorrimento a V-Y o il lipofilling si eseguono ambulatorialmente, in anestesia locale.
Nella settimana seguente, solo per questi ultimi due tipi d’intervento, la paziente dovrà assumere una dieta semisolida, evitare cibi troppo caldi ed eseguire più volte al giorno sciacqui con collutorio orale, soprattutto dopo i pasti, per disinfettare la ferita ed evitare infezioni.
I punti, peraltro presenti solamente in caso di plastica V-Y, si staccheranno spontaneamente dopo circa dieci giorni e la cicatrice residua non è visibile poiché situata sul versante mucoso interno delle labbra.
Nel caso di lipofilling, l’area di prelievo del grasso, generalmente la pancia o le cosce, deve essere sottoposta a compressione (body o calze), per due-tre settimane seguenti all’intervento.

LABIOPLASTICA RIDUTTIVA
consiste o in una plastica V-Y inversa o nell’asportazione di una striscia di mucosa labiale dal versante interno del labbro, cosicché la cicatrice risulti nascosta.

Contatti

Corso Massimo d'Azeglio, 53
10126 - Torino
011/6308309
info@alessandrorivolin.it
P Iva: 00544970072
Privacy Policy
Cookie Policy

Sedi

TORINO
Studio Medico Privato
Corso Massimo d’Azeglio 53
011 630 83 09 - 334 718 53 20
fax: 011 6315631


AOSTA
c/o IRV
Via Binel 34
0165 267057
0165 279800


J MEDICAL
(Ingresso consigliato da Strada Altessano 141)
Via Druento 153/56, Torino TO 10151
011 013 0303

Social