Prenota 011 630 83 09

Trattamento del seno controlaterale

LA MAMMELLA CONTROLATERALE
Per ottenere una buona simmetria delle due mammelle e quindi un risultato estetico migliore è molto spesso opportuno agire anche sulla mammella sana controlaterale, poiché il seno ricostruito è di solito diverso da com’era in partenza, cioè prima dell’intervento.


Vengono abitualmente utilizzate tecniche di chirurgia estetica per il raggiungimento della simmetria mammaria desiderata; queste variano a seconda delle dimensioni del seno da trattare ed anche in base a quelle del seno ricostruito. Su una mammella piccola sarà eseguita una mastoplastica additiva, su una cadente una mastopessi, su una cadente e vuota una mastopessi con protesi, e su una mammella grande una mastoplastica riduttiva. In base alle caratteristiche singolari da caso a caso e dall’iter chirurgico seguito, il numero degli interventi ai quali una paziente deve sottoporsi per ottenere una ricostruzione della mammella è quindi variabile.

 

E’ in ogni modo tendenza consolidata attualmente provvedere ad iniziare la ricostruzione nel corso dell’intervento demolitivo di mastectomia, ma se questo non fosse possibile, ed in accordo con lo specialista oncologo, la ricostruzione può iniziare dopo circa sei mesi dall’intervento mutilante.

 

La ricostruzione della mammella non comporta un aumento delle recidive neoplastiche ed è una tappa chirurgica cui tutte le donne che hanno subito un intervento così mutilante (anche dal punto di vista psicologico) qual è la mastectomia dovrebbero sottoporsi.